Ci sono cose che Dio detesta? Risponde Proverbi 17:15

Proverbi 17:15: “Chi assolve il reo e chi condanna il giusto sono entrambi detestati dal SIGNORE.”

 

Proverbi 17:15 dovrebbe spaventarci, se abbiamo assolto un reo o condannato un giusto. Ma dovrebbe incoraggiarci, se siamo giusti, e siamo stati condannati o hanno assolto una persona che ha commesso un’ingiustizia contro di noi. Dio sa tutto (Ebrei 4:13: “non v’è nessuna creatura che possa nascondersi davanti a lui; ma tutte le cose sono nude e scoperte davanti agli occhi di colui al quale dobbiamo render conto“) ed egli è giusto e non lascerà impunito il colpevole. Naum 1:3 dice: “Il SIGNORE è lento all’ira ed è molto potente, ma non lascia il colpevole impunito.” Se abbiamo condannato un giusto o assolto un innocente, che cosa dobbiamo fare? Dobbiamo chiedere perdono al Signore e rettificare la malvagità che abbiamo perpetrato, o aiutato a perpetrare. Il perdono di Dio ci aspetta. Infatti il Salmo 130:4 promette: “Ma presso di te è il perdono, perché tu sia temuto.” Nel confessare la nostra iniquità al Signore e nel rettificare la situazione con coloro che sono stati danneggiati, andremo dall’essere detestati dal Signore all’essere amati da lui…a causa di Cristo. E quella, sì, è una buona notizia!

Una lettura del Salmo 37 vi farà capire quanto seriamente Dio prende due categorie: i “giusti sofferenti” e i loro persecutori. E ricordatevi sempre che, secondo 1 Pietro 3:14 e (cfr. 4:14), quale che sia l’esito della vostra situazione, quando siete perseguitati siete particolarmente benedetti da Dio.

1Pietro 3:14: “Se poi doveste soffrire per la giustizia, beati voi! Non vi sgomenti la paura che incutono e non vi agitate.”

Hai visto il mio libro sui Proverbi? Ecco un link che lo presenta.

**********

Non perdere Don Carson, Cristo nei Salmi, 12-14 aprile!

Spero di vederti al convegno TGC Italia 12-14 aprile 2019 dove Don (D.A.) Carson parlerà su Cristo nei Salmi! Ecco le info.

Fammi sapere qui se hai intenzione di venire. Grazie!

*****

Precedente Ti senti spiritualmente debole? Ecco qualche versetto per aiutarti Successivo John Calvin on Paul's Second Letter to Timothy