La Bibbia è come un puzzle ma non come tanti pensano, D.A. Carson

La Bibbia è come un puzzle, ma non nel modo in cui tante persone pensano…

“Un po’ di mistero, un po’ di incoerenza, lascia più spazio ad un Dio sovrano e trascendente. D’altro canto, pochi fra noi sono disposti ad accettare l’incoerenza come una grande virtù. Di solito si associa questa parola a volubilità, instabilità e persino a falsità. Coloro che prendono sul serio il Dio della verità, devono poter concludere, per esempio, che le varie parti della Scrittura, la rivelazione che Dio fa si Sé stesso, abbiano una loro coerenza seppure ad un determinato livello. Le Scritture riflettono l’unico Dio, il Dio della verità….Eppure questo non significa che la Bibbia assomigli ad un puzzle che contenga necessariamente tutti i pezzi necessari a comporre l’intera figura. Essa è piuttosto un puzzle il cui Creatore ha garantito solo che tutti i pezzi forniti appartengano allo stesso puzzle. Anche se per diverse buone ragioni, Egli non ce li ha forniti tutti, Mosè ci dice: ‘le cose occulte appartengono al Signore nostro Dio, ma le cose rivelate sono per noi e per i nostri figli per sempre, perché mettiamo in pratica tutte le parole di questa legge’ (De. 29:29 [in qualche traduzione 29:28]). Questo vuol dire che, quando cercheremo di mettere [p. 234 inizia qui] insieme il puzzle, ci capiterà sempre d’avere spazi vuoti.”

286059041-missing-pieces

“Vuole dire anche che ci saranno giocatori maldestri desiderosi di forzare alcune tessere in luoghi sbagliati, o di lasciar fuori quei pezzi che non riescono a capire dove mettere.”

“Dobbiamo quindi guardarci da quel tipo di coerenza che, più o meno consapevolmente, elimina alcune parti della testimonianza della Scrittura, o che forza l’inserimento delle tessere con tale violenza da attendere poi un’immagine priva forse di lacune ma distorta. Perché, così facendo, magari senza rendercene conto, abbiamo di fatto eliminato la presenza delle cose occulte, addomesticando Dio per renderLo così più controllabile e adattabile alla nostra comprensione.”

D.A. Carson, Un appello per una riforma spirituale. Le priorità di Paolo e le sue preghiere, Passaggio, s.l. 2005, pp. 233-234.

Un filmato su questo libro.

Un corso tenuto su questo libro: Imparare a pregare da Paolo.

Ecco invece un corso base per fare uno studio personale della Bibbia.

Per i curiosi ecco un altro punto di vista sulla Bibbia, questo invece veramente “puzzling”.

Precedente Vuoi avere pace con Dio? Successivo I Cinque Sola della Riforma Protestante