National Alzheimer’s Day. 9 things you should know

9 Things You Should Know About Alzheimer’s Disease, Joe Carter.

Alzheimers_350_233_90

Il film Still Alice parla dell’Alzheimer’s, ma tutti noi probabilmente conosciamo qualcuno che ce l’hai. Uno dei miei zii degli Stati Uniti l’ha avuto (o forse la demenza) e ho una zia qui in Italia che ce l’ha.

Tom Carson, padre del teologo D.A. Carson, fu un missionario inglese in Canada insieme a sua moglie Marg. Quando Tom e Marg erano oramai anziani, lei contrasse il morbo di Alzheimer, che la oppresse per otto anni prima che il Signore l’abbia preso con sé (nota 1). In un primo momento Tom rifiutò che gli altri lo aiutassero a prendersi cura della moglie, ma in un secondo momento i familiari furono costretti a spostarla in una casa di riposo. Durante quel secondo periodo, Tom andò due volte al giorno, e a volte tre, a stare con Marg. E come visse questo marito quegli otto anni molto difficili? Le sue parole testuali sono: “Lei si era sempre presa cura di me per così tanti anni…ora è il mio turno prendermi cura di lei; ed è un privilegio” (nota 2). La sofferenza ci dà l’opportunità, o il privilegio – nelle parole di Tom Carson – a servire gli altri.

Puoi guardare qui la straordinaria testimonianza di Gloria Furman che si prende cura di suo marito, Ken, che è il pastore di una chiesa e ha una malattia debilitante.

Nota 1. Cfr. l’ebook gratuito, D.A. Carson, Memoirs of an Ordinary Pastor: The Life and Reflections of Tom Carson, Crossway, Wheaton 2008, p. 12: “Mum’s eight-year descent through Alzheimer’s…”.

Nota 2. Memoirs p. 135: “Qualsiasi accenno dalla famiglia che papà potesse avere bisogno di una mano con la mamma suscitava una ferma risposta da parte sua che ci poté pensare lui da solo: ‘She looked after me all my life,’ he would say; ‘it’s my turn to look after her. And it’s a privilege’.”

Precedente Un incontro da Arnold con i coordinatori studenti GBU Firenze Successivo Un invito a una lezione sul Diaconato del prof. Andrea Giorgi