Pregare per i poliziotti e i soldati

Dio ci comanda tramite Paolo di sottometterci alle autorità e di pregare per esse.

Va da sé che facciamo questo che essi siano credenti o no.

Ecco i passi di Paolo.

Sottomettersi alle autorità (Romani 13:1-7):

“1 Ogni persona stia sottomessa alle autorità superiori; perché non vi è autorità se non da Dio; e le autorità che esistono sono stabilite da Dio. 2 Perciò chi resiste all’autorità si oppone all’ordine di Dio; quelli che vi si oppongono si attireranno addosso una condanna; 3 infatti i magistrati non sono da temere per le opere buone, ma per le cattive. Tu, non vuoi temere l’autorità? Fa’ il bene e avrai la sua approvazione, 4 perché il magistrato è un ministro di Dio per il tuo bene; ma se fai il male, temi, perché egli non porta la spada invano; infatti è un ministro di Dio per infliggere una giusta punizione a chi fa il male. 5 Perciò è necessario stare sottomessi, non soltanto per timore della punizione, ma anche per motivo di coscienza. 6 È anche per questa ragione che voi pagate le imposte, perché essi, che sono costantemente dediti a questa funzione, sono ministri di Dio. 7 Rendete a ciascuno quel che gli è dovuto: l’imposta a chi è dovuta l’imposta, la tassa a chi la tassa; il timore a chi il timore; l’onore a chi l’onore.”

Pregare per le autorità: (1 Timoteo 2:1-17):

“1 Esorto dunque, prima di ogni altra cosa, che si facciano suppliche, preghiere, intercessioni, ringraziamenti per tutti gli uomini, 2 per i re e per tutti quelli che sono costituiti in autorità, affinché possiamo condurre una vita tranquilla e quieta in tutta pietà e dignità. 3 Questo è buono e gradito davanti a Dio, nostro Salvatore, 4 il quale vuole che tutti gli uomini siano salvati e vengano alla conoscenza della verità. 5 Infatti c’è un solo Dio e anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo, 6 che ha dato se stesso come prezzo di riscatto per tutti; questa è la testimonianza resa a suo tempo, 7 e della quale io fui costituito predicatore e apostolo (io dico il vero, non mento), per istruire gli stranieri nella fede e nella verità.”

Inclusi nelle autorità sono i poliziotti e i soldati che ci proteggono. Pregate anche per loro.

Ecco un articolo su un poliziotto straniero, Garrett Swasey, che proteggeva la sua città, la sua famiglia, come marito e padre, e la chiesa di cui era uno degli anziani. Il breve elogio funebre pronunciato da sua vedova, Rachel Swasey, è visionabile qui.

Precedente La predicazione dovrebbe essere pratica? Successivo Sei a Firenze? Ecco una mostra che potresti visitare