Pregate per Samuele Franca in missione in Serbia a Sid

Invito e incoraggio tutti voi a pregare per Samuele Franca e la squadra di cui egli fa parte. Essi vogliono portare l’amore di Cristo in forma concreta ai rifugiati nel campo profughi a Sid in Serbia. Potete comprendere cosa faranno e come pregare per loro leggendo la lettera che egli ha indirizzato alla Chiesa Logos di cui egli è membro.

-Su qualche dettaglio delle questioni che egli tratta, non tutti i credenti hanno le stesse idee (potliche). Ma questo non impedisce a nessun di noi di intercedere secondo lo spirito di quanto Samuele scrive. I bisogni sono reali e sono grandi!

Sam x OM serbia IMG-20160823-WA0003-1

Firenze, 14/11/2016

Cari fratelli e sorelle della Chiesa Logos,

grazie per il sostegno che, come pastori e come intera chiesa, mi state offrendo e per l’attenzione che manifestate verso questo progetto missionario tra i profughi che OM Italia ha iniziato nell’ultimo anno. Operazione Mobilitazione è una missione cristiana evangelica nata negli Stati Uniti, presente da decenni anche in Italia, che si è costituita in O.n.g. per quanto riguarda l’aiuto che sta dando ai profughi nei paesi balcani. Da poi che sono diventato credente ho avvertito l’importanza del richiamo che il Signore fa ai suoi figli di essere vicino agli “ultimi” della terra, se davvero vogliamo seguire Cristo. E anche due domeniche fa il passo di Ebrei 13:1-3 che è stato commentato in chiesa dal pastore Pietro, ci ha ricordato di “non dimenticare l’ospitalità” e di ricordarsi “di quelli che sono maltrattati”. In questo viaggio, così come è accaduto nei precedenti viaggi che Om ha organizzato negli scorsi mesi, incontrerò intere famiglie, con adulti, giovani, vecchi, donne, bambini, adolescenti soli, senza famiglia, persone in fuga dalla guerra, con le loro gravi ferite psico-fisiche, persone che, viaggiando in condizioni disumane, sono disposte a rischiare tutto, compreso tutti i loro averi, pur di trovare un luogo dove ricominciare a vivere, un luogo stabile, sicuro per far vivere la loro famiglia lontano dalla guerra e dalla povertà. Ma questi esseri umani sul loro cammino hanno trovato purtroppo l’egoistica chiusura, la diffidenza e le paure dei governi dei paesi europei. Provenienti dalla Siria, dall’Afganistan, dal Pakistan, anche dall’Africa, dopo migliaia di Km., passando per la Turchia, attraversando il mare su gommoni e mezzi di fortuna, sono sbarcati in Grecia e, man mano che avanzavano verso l’ Europa, hanno trovato solo sbarramenti e respingimenti al loro passaggio.
La loro “avanzata” verso l’Europa economicamente ricca, a volte si tratta anche di ricongiungimenti famigliari, ha coinciso con l’erigersi di muri e impedimenti al loro transito da parte di Macedonia, Ungheria, Croazia e Slovenia, così che molti sono stati obbligati a fermarsi in campi “attrezzati” in Serbia, vicino al confine con la Croazia. Sono così nati questi “campi profughi” nei balcani. Sid, piccolo paese della Serbia di circa 10.000 ab., ai confini con la Croazia, ne ospita uno con 1000 ospiti e io starò proprio in questo campo profughi, insieme ad altri 3 volontari dall’Italia, dal 21 al 28 Novembre, per prendere parte a questo servizio di aiuto, sostegno e condivisione tra queste persone così provate dagli eventi e da un viaggio interminabile, persone che vedono sempre più affievolirsi la speranza di farcela.
Portare parole, gesti e atteggiamenti di speranza e di sostegno, di cura e di amore da parte di Dio Padre sarà possibile solo se i nostri, se il mio cuore, sarà riempito dallo Spirito di Dio.
Che Dio prepari questo servizio, questo piccolo tempo di missione, questa goccia nel mare delle opportunità, alla Sua gloria e per l’avanzamento del Suo Regno.
Le vostre preghiere saranno preziose. Che il Signore ci usi secondo la sua volontà e che ognuno di noi si lasci usare da Lui. Pregate anche per un mio possibile aiuto come medico visto che in questo campo profughi sono stati segnalati casi di vaiolo e varicella.
Pregate per il personale che è già presente in questa tenda di servizio di OM nel campo di Sid. Pregate per il “lungo” viaggio in auto, di circa 10-12 ore, che inizieremo lunedì 21 mattina presto e anche per il ritorno. Cercherà di tenervi informati su temi specifici di preghiera durante il periodo.
Vi ringrazio e vi abbraccio tutti in Cristo,
Vostro fratello Samuele

Risorse collegate:

Syrian Child: ‘Will I die?‘ (Video CNN)

Imparare a pregare da Paolo (lezioni sulla preghiera, in particolare a favore degli altri)

Sermone sull’ntercessione

Dio ha un debole per i deboli.

Precedente Le 97 (sì 97) tesi di Lutero di settembre 1517 Successivo Ecco i miei studenti e le mie studentesse di Cultura Ital-Brit-Amer