Qualche prima impressione sulla Bibbia della Riforma, Il Nuovo Testamento: nuova traduzione dal testo greco

Qualche mese fa qualcuno mi ha chiesto se sapevo di una valutazione fatta sulla Bibbia della Riforma, Il Nuovo Testamento: nuova traduzione dal testo greco. Ho risposto di no, ma ho deciso comunque di acquistarla e, ad un certo punto, di leggerla. Poi ho iniziato alcune settimane fa in concomitanza con la mia lettura della Bibbia in due anni, dal momento in cui ero arrivato al Nuovo Testamento.

Una premessa importante.Tradurre è una cosa molto complessa e una nuova traduzione è una cosa di cui dovremmo essere riconoscenti.

Per ora ho letto solo fino alla Lettera ai Romani, ma ho già trovato più cose (a volte piccole, a volte grandi) che purtroppo non mi convincono. Forse in futuro riuscirò a trovare del tempo per scrivere un post, pur breve, almeno sulla traduzione fatta dalla Bibbia della Riforma di Giovanni 1:1 e di Matteo 28:19. Ma se non ce la faccio, ecco almeno dei commenti flash a riguardo. Ho messo in neretto le parole che vedo come problematiche.

Giovanni 1:1: “In principio era la Parola e la Parola era con Dio e Dio era la Parola.” Le parole in neretto costituiscono un fraintendimento della grammatica greca del testo e dovrebbero essere tradotte: e la Parola era Dio.

Matteo 28:19: “Durante il vostro cammino fate tutte le nazioni discepole”. Di primo acchito vedo almeno due problemi con le parole in neretto. Il primo è che in italiano la sfumatura comunicata da “durante il vostro cammino” è qualcosa come “strada facendo”. Bisogna indagare se questo sia ciò che vollero esprimere le parole di Gesù.

Il secondo è che, in genere, un participio greco che sta in un determinato rapporto sintattico con un imperativo viene tradotto anch’esso come imperativo. Nel testo greco “durante il vostro cammino” è un participio e “fate…discepole” è un imperativo. Se il participio va tradotto come un imperativo, ciò renderebbe ancor più fuorviante la traduzione “durante il vostro cammino”, e cioè “strada facendo”.

Ad ogni modo, se ho tempo, tornerò in futuro a parlare della traduzione di questi due versetti. Sennò questi commenti flash basteranno perché gli addetti possano indagare.

Quello che mi ha colpito in Giovanni 21 invece è che la Bibbia della Riforma ha seguito la Nuova Riveduta nel tradurre in modo differente le due parole greche per l’amore. Ovvero, traduce fileo “voler bene” e agapo “amare”. Ma qui in Giovanni 21 questa non è la strategia da seguire, come avevo spiegato in riferimento alla Nuova Riveduta in questo articolo: I due amori: ci sono due amori in Giovanni 21?

Non è mia intenzione fare il criticone per i due motivi che ho espresso all’inizio del post: tradurre è molto complesso e, in genere, è una cosa buona avere nuove traduzioni della Bibbia. Detto questo, i tre passi segnalati sopra, purtroppo, sarebbero stati da tradurre in un altro modo. Dico purtroppo perché non si tratta di passi tanto difficili, ed è chiaro particolaremente in riferimento a Giovanni 1:1 e Matteo 28:19 che i traduttori sicuramente sapevano di aprire un nuovo sentiero con le loro traduzioni. Perché sono in grado di fare questa affermazione? Perché si tratta di versetti ben conosciuti e indubbiamente i traduttori sapevano delle relative rese di altre traduzioni italiane (e non solo di quelle italiane).

Sia chiaro che è una cosa buona che una fresca traduzione corregga vecchi errori, che si rifaccia a nuove scoperte manoscritte e che tenga conto di nuovi studi grammaticali, sintattici o lessicali. Tuttavia, temo che questo non sia successo in merito a Giovanni 1:1 e Matteo 28:19. Le altre traduzioni italiane avevano tradotto in modo adeguato questi versetti. Poi come espresso sopra, non era il caso di seguire la Nuova Riveduta in merito a Giovanni 21.

Mi auguro che il comitato della Bibbia della Riforma possa rivedere alcune delle sue scelte prima che esca in forma definitiva questa nuova traduzione della Bibbia in lingua italiana.

Sotto potete cliccare sui versetti per visualizzare alcune delle altre traduzioni italiane di tali versetti (escludere la Bibbia della Gioia che è una parafrasi).

Giovanni 1:1

-Matteo 28:19

Questo post fa parte della serie Problemi di traduzione.

Precedente Il Cristo che domina la morte, Salmo 16 e Atti 2 e 13 Successivo Una riflessione sul Salmo 57 per aiutarti a pregarlo al Signore