Una riflessione sul Salmo 25 per aiutarti a pregarlo al Signore

Una riflessione sul Salmo 25 per aiutarti a pregarlo al Signore.

Salmo 25

1 Di Davide.

Nei vv. 1-2 ci rivolgiamo al Signore ed esprimiamo la nostra fiducia in lui, implorandolo che noi non veniamo delusi e che i nostri nemici non trionfino su di noi.

A te, o SIGNORE, io elevo l’anima mia.

2 Dio mio, in te confido; fa’ che io non sia deluso,

che i miei nemici non trionfino su di me.

Al v. 3 dichiariamo che Dio non permetterà che chi spera in lui sia deluso, e gli chiediamo invece che siano confusi quelli che senza motivo si comportano in modo contrari al volere di Dio.

3 Nessuno di quelli che sperano in te sia deluso;

siano confusi quelli che si comportano slealmente senza ragione.

Nei vv. 4-5 comunichiamo al Signore di aver bisogno che sia egli a farsi conoscere e che si egli ad ammaestrarci. Sappiamo che lui farà così, tramite la sua Parola, perché noi speriamo in lui…ogni giorno.

4 O SIGNORE, fammi conoscere le tue vie,

insegnami i tuoi sentieri.

5 Guidami nella tua verità e ammaestrami;

poiché tu sei il Dio della mia salvezza;

io spero in te ogni giorno.

Nei vv. 6-7 chiediamo a Dio di ricordarsi di qualcosa e di non ricordarsi di qualcos’altro. Guarda tu ora quali siano queste cose e pregale anche tu.

6 Ricòrdati, o SIGNORE, delle tue compassioni e della tua bontà,

perché sono eterne.

7 Non ricordarti dei peccati della mia gioventù, né delle mie trasgressioni;

ricòrdati di me nella tua clemenza,

per amor della tua bontà, o SIGNORE.

Nei vv. 8-9 dichiariamo il carattere di Dio, egli è buono e giusto. Per questo, egli insegna a noi peccatori e ci guida nella sua via. Sennò, come potremmo mai conoscerla?

8 Il SIGNORE è buono e giusto;

perciò insegnerà la via ai peccatori.

9 Guiderà gli umili nella giustizia,

insegnerà agli umili la sua via.

Nei vv. 10 affermiamo che questa via è buona e verità e che sappiamo questo perché rispondiamo alla sua istruzione in obbedienza.

10 Tutti i sentieri del SIGNORE sono bontà e verità

per quelli che osservano il suo patto e le sue testimonianze.

Nel v. 11 chiediamo che il Signore ci perdoni, non perché meritiamo tale perdono, perché la nostra iniquità è grande, ma a causa del suo nome che è grande.

11 Per amor del tuo nome, o SIGNORE,

perdona la mia iniquità, perché essa è grande.

Nei vv. 12-14 esprimiamo al Signore la verità. Se noi, per la sua grazia, ci sottomettiamo a lui obbedendo alla sua Parola, egli ci insegnerà le sue vie, che comprenderemo sempre meglio, e che ciò costituirà per noi una benedizione sempre in aumento.

12 Chi è l’uomo che teme il SIGNORE?

Dio gl’insegnerà la via che deve scegliere.

13 Egli vivrà nel benessere,

e la sua discendenza erediterà la terra.

14 Il segreto del SIGNORE è rivelato a quelli che lo temono,

egli fa loro conoscere il suo patto.

Nei vv. 15-21 riconosciamo che seguire il Signore non ci toglie dalle difficoltà e dalle afflizioni ma piuttosto ci inserisce in un rapporto di dipendenza da lui e di fiducia in lui e, di conseguenza, ci rivolgiamo a lui e contiamo su di lui in ogni sfida, afflizione e difficoltà della nostra esistenza in questo modo caduto e in questi corpi non ancora glorificati (resi perfetti per l’eternità).

15 I miei occhi sono sempre rivolti al SIGNORE,

perché sarà lui a trarre i miei piedi dalla rete.

16 Volgiti a me, e abbi pietà di me,

perché io sono solo e afflitto.

17 Le angosce del mio cuore sono aumentate;

liberami dalle mie angustie.

18 Vedi la mia afflizione e il mio affanno,

perdona tutti i miei peccati.

19 Guarda i miei nemici, perché sono molti;

mi odiano d’un odio violento.

20 Proteggimi e salvami;

fa’ che io non sia confuso,

perché in te confido.

21 L’integrità e la rettitudine mi siano d’aiuto,

perché spero in te.

Nel v. 22 il popolo dell’Antico Patto supplicava che Dio benedisse il popolo eletto di tale patto. Noi del Nuovo Patto sappiamo che dei due popoli, Dio ne ha fatto una nuova umanità, a causa di Cristo (Efesini 2:11-22). Così preghiamo che Cristo benedica la sua Sposa, faccia espandere sempre di più il suo regno e torni a stabilirlo definitivamente.

22 O Dio, libera Israele da tutte le sue tribolazioni.

*Ora prega anche tu il Salmo 25, riproponendolo al Signore.*

 

Precedente Vuoi studiare teologia? Ecco qualche dritta per cominciare Successivo Conferenza Tesori e Traumi, una cura efficace. Bologna 29.9.18